Category: attività sindacale

Al via le seconda edizione di “Cantiere Lavoro” l’evento organizzato da Enbic

[embedyt] https://www.youtube.com/embed?listType=playlist&list=PLrGRHTxw93jSc51JSiaUzS1uM9h-6hkPW&layout=gallery[/embedyt]

L’evento Cantiere Lavoro 2023, giunto alla seconda edizione, vuole essere un momento per discutere della Riforma del Terzo Settore e di tutte le conseguenze che questo porterà nel mondo delle no profit e delle imprese sociali e di tutte le implicazioni di natura fiscale, con uno sguardo alla riforma nel mondo del lavoro e del welfare per lo sviluppo
dei territori. interverranno a riguardo On. Alessandra Locatelli, Ministro per la disabilità, e  l’ On. Maria Teresa Bellucci, viceministro del lavoro e delle politiche sociali. l’On Cesare Damiano, già ministro del Lavoro e On. Chiara Colosimo componente della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati.

Nell’Occasione verrà presentato il rinnovo del CCNL per il Terzo Settore e per gli enti senza scopo di lucro e sport.

Nella mattinata del 20 aprile, con Fulvio De Gregorio Presidente ENBIC e  la dott.ssa Lucia Albano Sottosegretario economia e finanze si parlerà della Riforma Fiscale. Prenderanno parte al tavolo delle  proposte il Segretario Generale Confederale di Cisal Francesco Cavallaro, il presidente di Federazione UNICA Stefano Diquattro, presidente di Federagenti Luca Gaburro e il presidente ANPIT Federico Iadicicco.

Programma e orari 

 

Giornata mondiale per la Sicurezza sul Lavoro

Lavoratori, datori di lavoro, governi e enti di tutto il mondo attivi nel settore della salute e della sicurezza, in collaborazione con l’Organizzazione internazionale del Lavoro (ILO), celebrano il 28 aprile la Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro ponendo l’accento sulla necessità di creare una nuova « cultura della sicurezza » al fine di ridurre o prevenire gli incidenti sul lavoro e le malattie professionali.

In occasione di questa importante ricorrenza l’ Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Salerno in collaborazione con Federazione Unica e Unica Formazione, organizzano il convegno di studi volto a sensibilizzare, approfondire e diffondere la Cultura della Sicurezza sui luoghi di lavoro.

La salute e la sicurezza sul lavoro devono rappresentare un macro-obiettivo per qualunque azienda ed è compito del professionista Consulente del Lavoro sostenere e diffondere la cultura della sicurezza sul lavoro e della prevenzione e renderla una best practice condivisa.

All’evento interverranno Carlo Zinno, Presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro della Provincia di Salerno, Alessandro D’Amico, vicepresidente di Federazione Unica e Consulente del Lavoro con “l’importanza della cultura sulla prevenzione“. Seguirà l’intervento tecnico del dott. Giuseppe Cantisano capo dell’Ispettorato Interregionale del Lavoro area sud, su Accesso ispettivo e verbali di accertamento; Sanzioni in materia di lavoro e provvedimenti del personale ispettivo; Attività di difesa del Datore di Lavoro e ricorsi amministrativi. Seguirà poi Barbara Garbelli Consulente del Lavoro con Sospensione dell’attività imprenditoriale: casi di applicazione; Prevenire la sospensione dell’attività: gli adempimenti obbligatori; Cultura della prevenzione: strumenti applicativi e risparmio contributivo; Il ruolo del Consulente del Lavoro, e infine l’evento si concluderà con l’ avvocato giuslavorista Giovanni Ambrosio che parlerà di Sicurezza ed idoneità al lavoro.

L’incontro è gratuito ed è valido ai fini della FORMAZIONE CONTINUA OBBLIGATORIA DEI CONSULENTI DEL LAVORO con attribuzione di 4 crediti formativi. iscriviti qui.

 

“Infortuni, partire dai contratti” il titolo dell’articolo di ENBIC su ItaliaOggi

“I dati infortunistici che emergono dalla lettura dei rapporti Inail disponibili sono allarmanti,
evidenziando l’importanza delle dimensioni dei drammi legati alle conseguenze
degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali, eventi che colpiscono in
modo talvolta irreparabile persone e famiglie, purtroppo senza soluzione di continuità.”

Leggi l’articolo

Assunzioni donna: Agevolazioni 2022

La legge bilancio 2022 prevede uno sgravio contributivo per l’assunzione di Donne al 100%.

Alla luce dei dati negativi riguardanti l’occupazione femminile in Italia,  la misura è adottabile da tutti i datori di lavoro che abbiano intenzione di assumere donne  lavoratrici nel biennio 2021-2022. I beneficiari hanno diritto ad uno sgravio del 100% sui contributi dovuti, fino ad un importo massimo di 6 mila euro all’anno.

Il beneficio, dunque,  ha lo scopo di incentivare l’assunzione di lavoratrici da parte delle aziende.

L’agevolazione rientra nel Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19 (c.d.Temporary Framework), quindi è soggetta all’autorizzazione della Commissione europea. L’Inps, ha comunicato col Messaggio n. 403 del 26-01-2022, che la Commissione europea ha prorogato il bonus per le assunzioni di donne fino al 30 giugno 2022. Quindi può essere richiesto anche per le assunzioni effettuate tra il 1° gennaio 2022 e il 30 giugno 2022. La Commissione europea ha anche aumentato i massimali di aiuto concedibili:

  • 290.000 euro per le aziende attive nella produzione primaria di prodotti agricoli;
  • 345.000 euro per le aziende attive nel settore della pesca e dell’acquacoltura;
  • 2,3 milioni di euro per le aziende operanti in tutti gli altri settori

INPS ha precisato che l’esonero contributivo può essere concesso per l’assunzione di donne svantaggiate appartenenti a determinate categorie:

  • almeno 50 di età e senza lavoro da oltre un anno;
  • indipendentemente dall’età, residente in regioni ammissibili ai finanziamenti nell’ambito dei fondi strutturali UE, senza un lavoro regolarmente retribuito da almeno sei mesi;
  • indipendentemente dall’età, attiva in un ambito professionale o lavorativo appartenente ad aree economiche caratterizzati da una marcata disparità occupazionale di genere e senza un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi;
  • indipendentemente dall’età e dal luogo di residenza, senza un lavoro regolarmente retribuito da almeno 2 anni.

 

È possibile fare domanda tramite il portale web dell’INPS, il datore di lavoro deve utilizzare modulo “92-2012” presente all’interno del Cassetto previdenziale, che va compilato e inviato secondo le modalità dettagliatamente descritte nel Messaggio INPS 3809 del 2021. È necessario inviare una singola comunicazione all’INPS per ogni evento incentivabile (assunzione, proroga o trasformazione).

INL obbligo di comunicazione dei lavoratori autonomi occasionali: Chiarimenti.

La Direzione centrale coordinamento giuridico, dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), ha emanato nuovi chiarimenti rispetto alla nota n. 393 del 1° marzo 2022, con la quale ha implementato le FAQ – già predisposte con la nota 109/2022 – in materia di comunicazione dei lavoratori autonomi occasionali (dalla 11 alla 15), previsto dall’articolo 14 del decreto legislativo n. 81/2008, così come modificato dall’articolo 13 del decreto legge n. 146/2021 (cd. decreto fisco-lavoro).

Scarica la Nota-INL-393 e consulta le FAQ

Febbraio 2022: Codice Alfanumerico Unico per CCNL

L’articolo 16-quater del decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, convertito, con modificazioni, in legge 11 settembre 2020, n. 120, ha istituito il codice alfanumerico unico per indicare i contratti collettivi nazionali di lavoro, prevedendo che, nelle comunicazioni obbligatorie al Ministero del Lavoro e delle politiche sociali e nelle denunce retributive mensili all’INPS, il dato relativo al CCNL applicato al lavoratore venga indicato mediante il codice alfanumerico unico attribuito dal CNEL, in sede di acquisizione del contratto nell’archivio nazionale dei contratti e degli accordi collettivi di lavoro (art. 17 della legge 30 dicembre 1986, n. 936).

La circolare INPS n. 170 del 12 novembre 2021 ha fornito le disposizioni operative utili al passaggio su Uniemens del codice alfanumerico unico attribuito dal CNEL. Tale passaggio è previsto a partire dalla dichiarazione di competenza dicembre 2021 e per i primi due mesi della fase transitoria l’invio della dichiarazione potrà essere effettuato utilizzando il nuovo codice alfanumerico del CNEL o il “vecchio” codice INPS. A regime, dalla competenza di febbraio 2022, la trasmissione del dato è prevista esclusivamente mediante il codice del CNEL.

Tale nuova modalità operativa adottata dall’INPS non comporterà alcun cambiamento nella procedura di acquisizione dei CCNL da parte del CNEL, che dovranno essere depositati secondo quanto previsto dalla normativa già in vigore, continuando a seguire le modalità di deposito già in essere.

I codici assegnati dal CNEL ai CCNL già depositati nell’Archivio sono acquisiti dall’INPS. A partire dal mese di dicembre 2021 sarà cura del CNEL comunicare all’INPS i nuovi codici assegnati ai CCNL depositati e tutte le eventuali modifiche riguardanti i codici in essere.

Fonte CNEL

Aiuti di Stato: Obbligo di pubblicazione

ATTENZIONE: A partire dal 1 gennaio 2023 l’inosservanza di tale adempimento sarà sanzionata pertanto è importante verificare che siano pubblicati i contributi ricevuti nel 2021 entro il 31/12/2022.

La norma europea sulla concorrenza impone a tutte le imprese di pubblicare entro il 30 giugno di ogni anno, tutti gli aiuti, sovvenzioni, crediti d’imposta, ecc., ricevuti nell’anno precedente. L’importo è su base annua e deve essere conteggiato secondo il criterio di cassa (erogati / incassati) e non sulla base della concessione.

IMPRESE TENUTE ALLA PUBBLICAZIONE

Sono tenute a pubblicare gli aiuti ricevuti solo le imprese che hanno recepito sovvenzioni per un importo cumulativo superiore a 10 mila euro. Sono esclusi i liberi professionisti.

COSA E COME DICHIARARE

Sono soggetti all’obbligo i seguenti aiuti/contributi:

  • sovvenzioni,
  • sussidi,
  • vantaggi,
  • contributi o aiuti, in denaro o in natura, non aventi carattere generale e privi di natura corrispettiva, retributiva o risarcitoria, effettivamente erogate dalle Pubbliche Amministrazioni (ad es. Stato, Regioni, Province, Comuni, Comunità montane, Istituzioni universitarie, Camere di Commercio)

Vanno altresì dichiarati contributi a fondo perduto, le garanzie a copertura di mutui, i crediti d’imposta ricompresi nel regime De Minimis o nell’ambito del “Temporary Framework” europeo (“quadro temporaneo”) rientrano in tali formule di aiuto pubblico.

Per ciascuna sovvenzione ricevuta, deve essere indicata:

  • denominazione e codice fiscale del soggetto ricevente;
  • denominazione del soggetto erogante;
  • somma incassata o valore del vantaggio fruito;
  • data di incasso;
  • causale ovvero una breve descrizione del contributo ricevuto (es. Decreto Legge 19/05/2020, Fondo Garanzia PMI, DL 28 ottobre 2020).

REGIME SANZIONATORIO

In caso di inosservanza degli obblighi di trasparenza è prevista una sanzione amministrativa pari all’1% degli importi ricevuti, con un minimo di sanzione pari a 2.000 euro, e la sanzione accessoria dell’adempimento della pubblicazione.

Decorsi 90 giorni dalla contestazione, senza che il trasgressore abbia ottemperato agli obblighi, si applica l’ulteriore sanzione della restituzione integrale del beneficio.

PUBBLICAZIONE 

Le imprese associate che non dispongono di un proprio sito internet possono provvedere ala pubblicazione attraverso il sito di Federazione Unica

Scarica il modulo, per richiedere la pubblicazione sul sito di Unica,  invialo compilato a  segreteria_federale@federazioneunica.com

Modulo pubblicazione AIUTI di STATO 2020    

Modulo pubblicazione AIUTI di STATO 2021   

Modulo pubblicazione AIUTI di STATO 2022

022

Elenco pubblicazioni 2020

gusto fiorentino srl 

Cattelani Filippo

Belforte srl

Bebi sas

Il ragno d’oro srl 

Elenco pubblicazioni 2021

Il ragno d’oro srl (1-2)

Il ragno d’oro srl (2-2)

F.P. System di Mario Pillitteri

Pavan Clarissa

MA.PO srl

Monarka srl

White srl

B&G di Barucci Alessandro & C. sas

BETA IMMOBILIARE SRL

CO.GE.RA. SRL 

Politiche attive per il lavoro: Arriva GOL

[sgmb id=”1″]Pubblicato in Gazzetta ufficiale (n. 306 del 27.12.2021)  il decreto interministeriale Lavoro-Mef sul programma di politiche attive del lavoro Garanzia occupabilità dei lavoratori (Gol) messo a punto dall’Anpal e dal Ministero del Lavoro, dopo il via libera della conferenza Stato- Regioni.  Il programma  GOL rientra tra gli obiettivi del PNRR e ha una scadenza immediata, per l’avvio delle  prime attività,  fissata al 31 dicembre 2021.

Le Regioni avranno 60 giorni per adottare il proprio piano regionale, da sottoporre al vaglio dell’ANPAL, che avrà 30 giorni per rispondere. Anpal attiverà, in caso di criticità, interventi di tutoraggio.

Il decreto contiene i criteri di riparto della prima quota di risorse, pari ad 880 milioni, dei complessivi 4,9 miliardi messi a disposizione dal Pnrr e React-Ue.

 Tra le regioni con maggiori finanziamenti:

  • Campania con 119,4 milioni di euro;
  • Lombardia con 101 milioni di euro;
  • Sicilia con 94,8 milioni di euro;
  • Lazio con 83,7 milioni di euro;

GOL: beneficiari  e obiettivi 

Il programma GOL  per la riqualificazione dei lavoratori in difficolta riguarderà:

  • i lavoratori in Cassa integrazione
  •  i beneficiari di Naspi e DISColl , Reddito di cittadinanza
  • giovani NEET
  • donne svantaggiate (disoccupate di lungo periodo),
  • persone con disabilità o fragilità
  • over 55  disoccupati
  • working poor  (ovvero lavoratori con redditi molto bassi).

Incaricati di fornire il servizio  di sostegno nella ricerca di una nuova occupazione sono i Centri per l’impiego, con l’ausilio di ANPAL  e  INPS, per il quale si sta cercando di mettere in piedi un sistema informativo integrato con le realtà regionali. Sono previste inoltre  oltre 11400 assunzioni ma  in molte Regioni i concorsi procedono con lentezza, in particolare nel Mezzogiorno.

GOL: Modalità e tempi di realizzazione

 Tempi di realizzazione previsti:   si punta ad attivare i GOL entro la fine del 2021.

 Come detto questi percorsi di riqualificazione dovrebbero sostituire anche l’attuale sistema di avviamento al lavoro collegato alla percezione del Reddito di Cittadinanza

Sono previsti  5 percorsi differenziati :

  1. Reinserimento occupazionale per chi ha un profilo facilmente occupabile;
  2. Formazione e aggiornamento per migliorare specifiche competenze del lavoratore;
  3. Riqualificazione in cui le attività formative saranno più impegnative;
  4. Lavoro e inclusione, gestito in collaborazione con i Comuni per i casi con bisogni più complessi;
  5. Ricollocazione collettiva per la gestione di crisi aziendali;

Le regioni e province autonome sono tenute a raggiungere il primo step degli obiettivi di Gol entro il 2022 garantendo l’inizio delle attività formative ai percettori di ammortizzatori sociali e di sostegno al reddito entro quattro mesi dall’avvio della fruizione della prestazione economica.

Entro il 2025 il Ministero prevede il coinvolgimento di 3 milioni di lavoratori.

Nel decreto è prevista anche la nascita di una cabina di Regia, partecipata da Ministero del Lavoro, Anpal, Regioni,  che dovrà monitorare e verificare la correttezza, l’attuazione i risultati delle attività del programma GOL.

“Linea Diretta Tour” fa tappa a Milano il 17 dicembre 2021

Sta per svolgersi a Milano presso Starhotel e.c.ho, la seconda tappa di “Linea Diretta Tour”, serie di incontri finalizzati a favorire il dialogo tra i vari attori del mondo del lavoro, e ad approfondire temi attuali presenti nell’ agenda politico- economica nazionale. Unica raccoglierà al proprio tavolo rappresentanti di enti ed istituzioni operanti nel capoluogo lombardo, insieme a tecnici, per analizzare la situazione delle imprese sul territorio. Come per la tappa di Salerno, svoltasi il 19 Novembre sorso, si tratteranno temi quali digitalizzazione, sicurezza sui luoghi di lavoro, smart working ecc. L’approfondimento sul Greenpass sarà a cura di Simone Cagliano, Esperto Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, mentre per l’evoluzione della normativa sullo smart working il presidente ANCL Milano Alessandro Graziano illustrerà la proposta dell’associazione dei consulenti del lavoro. Si analizzerà inoltre Il recente D.L. 146/2021 contenente il rafforzamento dell’attività di coordinamento ed ispettiva e l’inasprimento delle sanzioni nei confronti delle imprese inadempienti con Patrizia Muscatello, Capo Ispettorato Territoriale del Lavoro Area Nord Ovest, Andrea Rapacciuolo Responsabile Processo Funzionamento Ispettorato Interregionale del Lavoro di Milano e con l’ispettore ing. Ing. Paolo Schiavone.

Il Responsabile Unità organizzativa vigilanza presso la Direzione di Coordinamento Metropolitano di Milano, Raffaele Perillo farà una disamina sul canale informatico dell’istituto, e porrà l’attenzione sull’aumento dell’utilizzo della tecnologia dovuto alla pandemia, inoltre si parlerà di agevolazioni alle assunzioni e bonus posti in essere dall’istituto di previdenza.

Interverranno inoltre Fortunato Barone e Vincenzo Comune, Avvocati lavoristi, area giuridico –sindacale di Unica.

Non mancherà l’intervento del Presidente Nazionale di Unica, Stefano Diquattro, che evidenzierà come l’associazione intende stare al fianco degli imprenditori in uno scenario in continua evoluzione, sia tecnica che socio-culturale. Sull’importanza di instaurare un dialogo proficuo e continuato tra i vari attori del mondo del lavoro, Alessandro D’Amico Vicepresidente Nazionale di Unica, farà il punto e indicherà i propositi in campo per i prossimi incontri.

Modererà i lavori Gianluigi De Sanctis Direttore Centrale di Federazione Unica.

“Linea Diretta Tour” La prima tappa a Salerno

[sgmb id=”1″]UNICA in collaborazione con Enti, istituzioni organizza una serie di eventi rivolti ad imprenditori, professionisti e operatori del settore. Dopo l’emergenza sanitaria è necessario pensare alla ripartenza delle PMI tra obblighi, adempimenti e proposte con un tavolo tecnico per approfondire tutte le tematiche relative alla ripresa delle attività, e  analisi degli strumenti innovativi e utili al miglioramento della qualità della vita lavorativa. Un confronto aperto al tavolo con esponenti di enti ed istituzioni dopo l’emergenza sanitaria che ha cambiato profondamente la cultura di gestione aziendale rimettendo al centro la nuova sicurezza dei lavoratori e non solo.

L’incontro-dibattito, organizzato da Unica (Unione nazionale italiana micro e piccole imprese del commercio, dei servizi e dell’artigianato, il 19 novembre 2021, nella sede di Unica a Salerno.

L’iniziativa, prima tappa di “Linea diretta tour” (il prossimo incontro a Milano il 17 dicembre) del ciclo di incontri promossi per favorire il dialogo tra i diversi attori  del mondo del lavoro e cercare un confronto a tutto campo su aspetti e questioni al centro del dibattito politico nazionale, a partire dal green pass e dalla sicurezza sui luoghi di lavoro. Tra i temi trattati gli ammortizzatori sociali sono stati al centro dell’intervento di Mauro Marucci, consulente del lavoro esperto Fondazione Studi che ha fatto il quadro su «situazione pandemica, strumenti disponibili e riforma». Il direttore Inps Salerno, Ciro Toma, ha illustrato, tra le altre cose, le possibilità offerte, per il biennio 2021/2022, di esonero contributivo per le donne assunte e di Cig. In tema di “sicurezza sul lavoro”,  da remoto, Giuseppe Cantisano, Capo dell’ispettorato interregionale del lavoro del Sud Italia, ha fatto il punto sulle nuove normative. Sul “lavoro di domani”, fra energia green e digitale si è soffermato Carlo Zinno, Presidente dell’ordine dei Consulenti del lavoro di Salerno. L’importanza della federazione Unica “risorsa per le imprese e i professionisti” ne ha parlato il presidente nazionale Stefano Diquattro. Durante la tavola rotonda si è discusso anche di “rappresentatività delle organizzazioni sindacali” con Antonio Zoina, direttore dell’ispettorato del lavoro di Salerno, e  di applicabilità delle norme e difficoltà dei professionisti nelle realtà aziendali con l’avvocato Pasquale Visconti.